Documento finale Hub Meeting di Barcellona verso il 15O

Dichiarazione dei partecipanti del 15S Hub Meeting
Niente da perdere, tutto da guadagnare!
Siamo le reti e le persone partecipanti all’incontro del 15S Hub Meeting, tenutosi a Barcelona tra il 15 e il 18 di settembre.
1. Rifiutiamo il concetto di austerità come soluzione all’attuale stato di crisi dal momento che questo presuppone una gestione autoritaria e antidemocratica della ricchezza comune.
Denunciamo le politiche di austerità in quanto producono un incremento delle disuguaglianze e un attacco frontale ai pilastri dei sistemi di welfare europei e ai diritti sociali conquistati in anni di lotte sociali.
Queste politiche di austerità favoriscono gli interessi economico-finanziari privati, gli stessi che sono responsabili del modello di sviluppo economico che ha provocato l’attuale crisi.
Questa non è solo una crisi economica ma soprattutto una crisi politica. è il culmine della rottura del patto sociale europeo. Inoltre pone in evidenza la fine del sistema di partiti politici nella gestione del bene comune.
2. Di fronte la precarietà materiale ed esistenziale, reclamiamo la democratizzazione dell’economia e della governanza europea affinchè permetta la costruzione di un nuovo modello di benessere sociale fondato su due aspetti: la fornitura di un reddito basico incondizionale e l’accesso effettivo e libero ai diritti sociali e ai beni comuni (sanità, educazione, casa, ambiente, conoscenza…)
Per conseguire questo modello è necessaria una politica fiscale, di bilancio e sociale europea così come la verifica del debito. Condizione necessaria però non sufficiente per questo è il riconoscimento di un nuovo catalogo di diritti sociali, tra i quali si rivela prioritario il diritto al fallimento delle persone: riscattiamo le persone non le banche.
3. Consideriamo anche necessario garantire la neutralità e il libero accesso alla rete, alla conoscenza e l’educazione contro le dinamiche privatizzanti e i mercanti del sapere.
4. In una situazione di precarietà e disoccupazione crescente, la condizione migrante è il più chiaro esempio della privazione dei diritti lavorativi e della svalorizzazione dell’apporto al produzione economica. La condizione di lavoro migrante è il modello che vuole essere imposto all’insieme della popolazione di lavoratori.
Rivendichiamo diritti sociali, politici e di cittadinanza indipendentemente dalla presenza di un contratto di lavoro. Allo stesso tempo rivendichiamo la concessione degli stessi all’insieme degli immigrati che vivono nei paesi europei. Siamo tutti migranti! Nessuna persona è illegale!
5. Dobbiamo trasformare i modelli di democrazia e riappropiarci della politica a partire dalla partecipazione diretta in tutti gli ambiti della politica economica e della vita sociale L’attuale modello di democrazia rappresentativa è finito: nessuno ci rappresenta.
Per questi motivi convochiamo i cittadini il prossimo 15 ottobre affinchè esprimano il loro rifiuto alle politiche di uscita dalla crisi e rivendichino una vera democrazia.
Ninte da perdere, tutto da guadagnare! #UnitedForGlobalChange!
En el encuentro 15S HUb Meeting han participado / participants in the
15S Hub Meeting:
ALTER-EU, ACAMPADABCN, ACAMPADASOL, ATTAC, BARTLEBY BOLOGNA, COLLETIVO UNIVERSITARIO AUTONOMO TURIN, DEMOCRACIA REAL YA!, EDY-FACTORY, INTERNATIONAL STUDENT MOVEMENT, JUVENTUD SIN FUTURO, KNOWLEDGE LIBERATION FRONT, RETE DELLA CONOSCENZA, SOCIAL CENTER ROG, STATI GENERALI DELLA PRECARIETÀ, STUDENT@INCRISI, TAKE THE SQUARE, UNIVERSIDAD NÓMADA, X.NET, ATENEU CANDELA, LA CASA INVISIBLE, IWW (Nevidni delavci sveta)